Blog: http://Liberidivolare.ilcannocchiale.it

Scusa, perdono e grazie.


Scusarsi presuppone il riconoscimento di avere sbagliato, di avere ferito, offeso.
Chiedere scusa è una questione di giustizia.
Le scuse si possono rifiutare. Segno di maturità accettarle.

Il perdono è un'altra cosa, significa non tenere conto dell'offesa ricevuta.
Dovremmo sempre saper chiedere scusa.
E se ci teniamo alla persona, implorarne anche il perdono.

Si possono presentare le scuse senza richiedere il perdono.
Si possono accettare le scuse ma non concedere il perdono.
Si può pretendere il perdono senza presentare prima le scuse.

Bisogna anche saper dire grazie per le scuse accettate, per il perdono accordato.
Siamo portati infatti a pensare che tutto ci è dovuto,
e che non è necessario ringraziare per i doni ricevuti.

Porgere le scuse, chiedere il perdono, saper dire grazie,
è dei maturi, degli umili e dei grati.
È proprio una questione di coraggio!


ps. grazie a p. Mimmo Castiglione per il commento che ha gentilmente reso condivisibile, attraverso il sito qumran2, e grazie al cantante Biagio  Antonacci, per i suoi brani sempre significativi, un bravissimo artista che ho avuto occasione di ascoltare proprio questa sera, ospite del programma televisivo Domenica in. Tra gli ospiti ho postuto ascoltare anche il giornalista e scrittore Antonio Socci, un'autentica testimonianza umana, cristiana, cattolica, ha condiviso. Quando la televisione diviene un positivo strumento di comunicazione, che dire, grazie, grazie di cuore, arrivare nelle case della gente con sensibilità, intelligenza, e soprattutto trasmettendo, con competenza professionale, valori e contenuti significativi ed importanti! Grazie e  Buona settimana a tutti !

Pubblicato il 23/1/2011 alle 19.49 nella rubrica Le voci della musica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web