Blog: http://Liberidivolare.ilcannocchiale.it

L'amore di sua natura a tutti e ovunque si diffonde

C'è l'amore biologico: è quello dell'attaccamento.
Una madre, un padre, non può non amare i suoi figli e quelli di casa sua. E' biologia: ti amo perché sei mio. Senza questo legame di attaccamento non ci sarebbe neppure la vita. Anche gli animali amano i loro cuccioli: altrimenti non sopravvivrebbero. E' biologico.
C'è l'amore di relazione: ti amo per il rapporto che c'è tra me e te.
Stiamo insieme, sei entrato nel mio cuore io nel tuo; ti sei aperto a me e io a te. Si crea un legame d'amore. Sei una persona importante, una creatura che mi sta a cuore per quello che ci siamo detti, per quelli che ci siamo comunicati, per quello che c'è tra noi. E' l'amicizia, il rapporto coniugale. Sono queste relazioni che rendono feconda la nostra vita: so che tu ci sei per me e che io ci sono per te. So che ci sarai per me e io ci sarò per te. Non sono solo: ci sei tu. Non sei solo: ci sono io.
C'è l'amore di Gesù: ti amo per il solo fatto che ci sei, che esisti.
Questo è l'amore vero, profondo, che scende su di noi al di là del rapporto che c'è tra me e te, al di là che hai fatto bene o male, al di là che la pensi come me o contro di me, al di là di tutto.
Ti amo perché esisti e il mio amore vuole che tu ci sia.
E' l'amore che valica la crosta delle differenze, che coglie l'essenza di ogni essere. Anche se non si vede, anche se è nascosto, anche se è sepolto, anche se tu lo rifiuti, io vedo la tua origine, vedo la tua natura: tu sei figlio della Vita, figlio della Luce, tu vieni dall'Alto e io onoro e amo la Luce e la Vita che risiedono dentro di te.
Quest'amore accoglie tutti e tutto. E' questo l'amore del vangelo

Pubblicato il 15/2/2011 alle 17.6 nella rubrica Le voci della musica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web